venerdì 4 maggio 2012

RINNOVO CCNL VIGILANZA

Venerdì 04 Maggio 2012
Lo scorso 2 maggio, nell’ambito della trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipednenti da istituti di vigilanza privata scaduto dal 31 dicembre 2008, si è tenuto un confronto negoziale fra le associazioni datoriali Assiv-Confindustria, LegaCoop-Servizi, Federlavoro e Servizi-Confcooperative, Agci-Produzione e Servizi di Lavoro~ e le organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e Uiltucs-Uil. L’occasione di trattativa ha avuto quale oggetto di approfondimento due temi: il cambio di appalto e la classificazione del personale.
In ordine al primo dei temi affrontati, ossia il cambio di appalto e/o affidamento di servizio, la delegazione datoriale ha raccolto le sollecitazioni, le proposte emendative e le riserve di parte sindacale, riservandosi di razionalizzarle nell’ambito dell’articolato contrattuale riferito al punto e di sottoporci nuovamente, già in occasione dei prossimi incontri calendarizzati per il mese corrente, un’ulteriore riformulazione degli articoli 25, 26 e 27 – Capo 1 Titolo IV dell’attuale CCNL.

Fisascat-Cisl, relativamente al cambio d’appalto, ha richiesto di accrescere la natura informativa della procedura contrattualmente prevista sia rafforzando il diritto delle OO.SS. a richiedere un incontro nell’ambito delle formalità di passaggio dei lavoratori dall’istituto uscente a quello subentrante per assumere notizie di maggiore dettaglio rispetto a quelle previste dalla comunicazione formale (elenco nominativo dei lavoratori, codici fiscali degli stessi ed orari di lavoro), che ogni istituto dovrà rendere in caso di uscita da un servizio, sia stabilendo un analogo ~obbligo informativo di acquisizione del servizio a carico dell’istituto subentrante, affinché la transizione delle guardie giurate stabilmente impiegate nei servizi oggetto dell’appalto possa espletarsi col pieno coinvolgimento dei soggetti imprenditoriali interessati e in costanza d’ogni necessario elemento informativo a disposizione delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori interessati.

In riferimento alla classificazione del personale, Fisascat-Cisl ha richiesto che l’auspicabile riforma dell’inquadramento sia estesa anche al profilo amministrativo e non solo a quello tecnico-operativo, che siano previste, oltre alle indennità di funzione proposte da parte datoriale, anche delle indennità di mansione, nonché di ridurre sensibilmente il lungo termine temporale indicato dalle associazioni degli istituti di vigilanza per l’applicazione del cosiddetto livello d’ingresso (ben 54 mesi).

Il tavolo negoziale tornerà a riunirsi nelle giornate di mercoledì 16 (dalle ore 10:00) e di martedì 29 (sempre dalle ore 10:00) maggio pp.vv. a Roma
http://www.fisascatpalermo.it/htdocs/index.php?view=article&catid=9%3Abacheca-annunci&id=271%3Aguardie-giurate&tmpl=component&print=1&layout=default&page

Nessun commento:

Posta un commento